Basilica di S. Giovanni Bosco

L’organo della Basilica di S. Giovanni Bosco è il quindi organo più grande della capitale. Costruito dalla ditta Tamburini di Crema nel 1959, conta 3 tastiere, 70 registri reali e 5274 canne. La trasmissione è elettropneumatica con somiere a vento. La disposizione fonica è la seguente:

I TASTIERA – ORGANO POSITIVO-ESPRESSIVO
Principale 8′
Cor de nuit 8′
Flauto dolce 8′
Salicionale 8′
Viola dolce 8′
Spitzflote 4′
Fugara 4′
Nazardo 2′ 2/3
Flagioletto 2′
Tierce 1′ 3/5
Armonia eterea 5 file
Corno francese 8′
Cromorno 8′
Flauto celeste 8′
Cornetto (reg. combinato)
Sesquialtera (reg. combinato)
Tremolo

II TASTIERA – GRAND’ORGANO
Diapason 16′
Diapason I° 8′
Diapason II° 8′
Principale dolce 8′
Corno camoscio 8′
Flauto armonico 8′
Bordone 8′
Ottava diapason 4′
Ottava dolce 4′
Flauto a camino 4′
Duodecima 2′ 2/3
Doublette 2′
Decimasettima 1′ 3/5
Ripieno grave 3 file
Ripieno acuto 5 file
Cimbalo 5 file
Voce umana 8′
Cornetto 3 file
Fagotto 16′
Tromba 8′
Clarone 4

III TASTIERA – ORGANO RECITATIVO-ESPRESSIVO
Bordone 16′
Tibia major 8′
Principale geigen 8′
Eufonio 8′
Flauto traverso 8′
Viola da gamba 8′
Ottava 4′
Flauto armonico 4′
Flauto in XII 2′ 2/3
Silvestre 2′
Doublette 2′
Plein jeu 5 file
Waldhorn 16′
Gran Tuba mirabilis 8′
Tromba armonica 8′
Oboe 8′
Tuba 4′
Voce celeste 2 file
Concerto viole 5 file
Campane
Tremolo

PEDALE
Subbasso acustico (trasm.) 32′
Principale doppio 16′
Contrabbasso violone 16′
Contrabbasso dolce 16′
Subbasso 16′
Quinta (derivato) 10′ 2/3
Basso (derivato) 8′
Bordone (derivato) 8′
Violoncello (derivato) 8′
Quinta (derivato) 5′ 1/3
Ottava forte (derivato) 4′
Flauto (derivato) 4′
Bombarda 16′
Bombardino (Prolungato) 8′
Clarone (Prolungato) 4′
Tremolo violoncello
Bordone (trasmesso) 16′
Diapason (trasmesso) 16′
Waldhorn (trasmesso) 16′
Tromba (trasmesso) 16′
Tromba (trasmesso) 8′
Tromba dolce (trasmesso) 8′
Campane (trasmesso)

ACCESSORI
Unioni: I-II, I-III, II-I, III-II, III-I, I-P, II-P, III-P
Ottave sopra: I, II, III, I-P, II-P, III-P, I-II, III-II, III-I, II-I
Ottave gravi: II, III, I-II, II-I, III-I, III-II
Annullamento unissono I, II, III
Annullatori: Ance I, II, III, Ped, Ripeno Grand’Organo, Ripieni Espressivi, Mutazioni, Ottave sopra, Ottave gravi
Combinazioni aggiustabili: 8 (comandabili da pedaletto e pistoncini sopra le tastiere)
Pulsanti al ped: Comb. agg., Unioni, Rip. G.O, Rip. Espr., Rip. tutti, Fondi, Ance, Tutti
Inversione Grand’Organo-Positivo

Sito internet: www.parrocchiadonbosco.it

Organo Don Bosco

Posted in Gli organi | Commenti disabilitati

Chiesa di S. Maria del Carmine e di S. Giuseppe al Casaletto

L’organo della “Parrocchietta” (come è conosciuta dai romani) è un gioiellino della ditta Tamburini a due tastiere e trasmissione meccanica del tasto ed elettrica dei registri. Costruito nel 1974, è dotato di 16 registri e quasi 1100 canne, consente l’esecuzione di parecchia letteratura organistica. Particolare è il registro “Tromboncino” al Grand’Organo, che conferisce vivacità e colore a tutto l’insieme.

I TASTIERA – GRAND’ORGANO
Principale 8’
Ottava 4’
XV 2’
Quattro File di Ripieno (sic)
Flauto a Camino 8’
Voce Umana 8’
Tromboncino 8’

II TASTIERA – ORGANO POSITIVO-ESPRESSIVO
Bordone 8’
Flauto a Cuspide 4’
Corno di Camoscio 2’
Sesquialtera 2 file
Oboe 8’
Tremolo

PEDALE
Subbasso 16’
Basso 8’
Ottava 4’

ACCESSORI
Unione I–Ped
Unione II–Ped
Unione II–I
3 combinazioni aggiustabili
Ann Tromboncino – Ann Oboe

Sito internet: www.parrocchietta.it

 

Organo Parrocchietta

 

Posted in Gli organi | Commenti disabilitati

Chiesa di S. Bernardo da Chiaravalle

L’Organo della chiesa di S. Bernardo di Chiaravalle è stato progettato, costruito ed inaugurato constestualmente alla chiesa stessa, nel 1992, fatto abbastanza raro nella costruzione delle chiese moderne. Costruito dalla ditta Tamburini, ha il pregio di essere stato pensato insieme alla chiesa stessa, evitanto così costosi e complicati interventi successivi per adattare un progetto nato senza organo ad ospitare un così imponente strumento. E’ probabilmente uno degli ultimi (se non l’ultimo) organo costruito dalla ditta prima delle note vicessitudini, ed è sicuramente uno dei migliori strumenti oggi disponibili nelle periferie romane.
Dotato di due tastiere, circa 1600 canne, è a trasmissione elettrica con somiere a tiro, cassa espressiva al Positivo e, cosa insolita ma non così rara, ha al Grand’Organo un registro spagnoleggiante, la Tromba en Chamade, altrimenti detta Tromba Orizzontale, di grande effetto visivo ed acustico.
Di seuito sono riportati i registri e le principali caratteristiche tecniche

I TASTIERA – GRAND’ORGANO
Principale 8′
Ottava 4′
XV 2′
Quattro di Ripieno 4 file
Flauto traverso 8′
Sesquialtera 2 file
Voce umana 8′
Tromba 8′
Tromba en Chamade 8′

II TASTIERA – ORGANO POSITIVO-ESPRESSIVO
Principale 4′
Bordone 8′
Flauto in VIII 4′
Nazardo 2′ 2/3
Ottavino 2′
Pienino 3 file
Viola dolce 8′
Oboe 8′
Tremolo

PEDALE
Contrabbasso 16′
Basso 8′
Ottava 4′
Fagotto 16′

ACCESSORI
Unioni: I-P, II-P, II-I, Sopra I-P, Sopra II-P, Sopra II-I, Grave I, Grave II
Annullatori: Ance I, II, Pedale, Tromba eh Chamade, Gravi, Sopra, Ripieni
Aggiustabili: 6 su 8 pagine, per un totale di 48 combinazioni

Sito internet: www.sanbernardoparrocchia.it

DSCF1118

In questa chiesa non sono previsti concerti a breve.

Posted in Gli organi | Commenti disabilitati

Basilica di S. Marco Evangelista al Campidoglio

L’Organo della Basilica è stato costruito nel 1936 dalla ditta Tamburini di Crema. Situato sopra il portale d’entrata, è diviso in tre corpi che si integrano nell’architettura originale della chiesa. E’ un classico organo corale di scuola italiana, che non sfigura affatto con le pagine concertistiche dei grandi classici italiani ed europei.

E’ dotato di 2 manuali di 61 note, pedaliera di 32 e 18 registri reali, per un totale di circa 1300 canne, comandate da una trasmissione elettropneumatica.
Nei tre corpi canne sono divisi la cassa del Positivo a destra, il Grand’Organo al centro ed il Pedale sulla sinistra guardandolo dall’altare.

La disposizione fonica è la seguente:

I TASTIERA – GRAND’ORGANO
Dulciana 8′
Flauto 8′
Principale 8′
Ottava 4′
XV 2′
Ripieno 6F
Voce umana 8′
Tromba

II TASTIERA – ORGANO POSITIVO-ESPRESSIVO
Concerto Viole 8′
Eufonio 8′
Gamba 8′
Bordone 8′
Flauto Armonico 4′
Flauto XII 2′
Tremulo 2/3

PEDALE
Bordone 16′
Contrabbasso 16′
Basso 8′
Violoncello 8′

ACCESSORI
Unioni: I-P, II-P, SI-P, II-I, SI, SII, SII-I, GI, GII, GII
Combinazione libera

Sito internet: www.sanmarcoevangelista.it

organosanmarco

 

In questa chiesa non sono previsti concerti a breve.

Posted in Gli organi | Commenti disabilitati

Chiesa di S. Giulia Billiart

L’organo della chiesa di S. Giulia Billiart è un organo che ha avuto parecchie vicessitudini. Costruito per un appartamento nel 1990 (lo si nota dalla sua struttura molto sviluppata in larghezza), è arrivato poi in questa chiesa in modo quasi fortuito. Ha trasmissione meccanica di tasto e di registro, tre tastiere, 33 registri e circa 1400 canne.

Ha parecchie particolarità: l’organo espressivo al solo positivo sulla prima tastiera, l’organo recitativo aperto, 4 combinazioni aggiustabili meccaniche (cosa più unica che rara richiesta espressamente dal primo committente), il ripieno italiano al grand’organo e tedesco al positivo.

Di seguito la combinazione fonica.

I TASTIERA – ORGANO POSITIVO-ESPRESSIVO
Bordone Camino 8′
Flauto aperto 4′
Nazardo 2.2/3′
Flauto in Selva 2′
Flauto in XVII 1.3/5′
Principale 4′
XV 2′
XIX 1.1/3′
XXII-XXVI
Tremolo

II TASTIERA – GRAND’ORGANO
Principale 8′
Ottava 4′
XV 2′
XIX 1.1/3′
Ripieno 3 file
Flauto Conico 8′
Violoncello 8′
Tremolo

III TASTIERA – ORGANO RECITATIVO APERTO
Principale 2′
Cimbalo XXXIII-XXXVI
Bordone 8′
Quintadena 4′
Cromorno 8′
Tremolo

PEDALE
Principale Coperto 16′
Principale 8′
Ottava 4′
Fagotto 16′

ACCESSORI
Unione I-P, II-P, I-II, III-II, III-I
4 combinazioni aggiustabili meccaniche

Sito internet: www.santagiuliabilliart.it

organosantagiulia

 

In questa chiesa non sono previsti concerti a breve.

Posted in Gli organi | Commenti disabilitati

Il Suono dell’Organo – Concerti Pasqua 2013

 ”Il Suono dell’Organo” 22a edizione - Pasqua 2013

****

SABATO 6 APRILE ore 19.30 – Basilica di S. Giovanni Bosco

D. Bedard (1950 – ) – Variations on “Christus Vincit”
J. S. Bach (1685-1750)
- Preludio e Fuga in Sol maggiore BVW 541
- Preludio al Corale ‘Herzlich tut mich verlangen’ BWV 727
Padre D. da Bergamo (1791-1842) – Sinfonia in Re mag.
S. Karg-Elert (1877-1933) – “Praise the Lord with Drums and Cymbals” (alla Haendel)
L. Boëllmann (1862 -1897) – Suite gotique op. 25 (Introduction Choral – Menuet gothique – Prière à Notre Dame – Toccata)

Organista: Alessandro Capitani

****

SABATO 13 APRILE ore 19.30 - Basilica di S. Giovanni Bosco

L.Van Beethoven (1770-1827) – Esaltano i cieli
C. Gounod (1818-1893) – Ave Verum
G.F.Haendel (1685-1759) – Laudate pueri Dominum
W. A. Mozart (1756-1791) – Ave verum Corpus
A. Salieri (1750-1825) – Confirma hoc Deus (inno di Pentecoste)
C. Dobici (1873-1944)
-  Kyrie - Gloria (da Messa a tre voci dispari)
-Agnus dei (Messa alla Schola Cantorum agostiniani)
B. Marcello (1686-1739) – I cieli immensi narrano
C. Dobici (1873-1944) – Ave Maria del Monte Grappa
Ferdinando Bastianini (1964-) – Per incanto e per amore

I vari brani saranno collegati da improvvisazioni all’organo dal M° Bastianini

Corale Polifonica “San Giovanni” di Bagnaia (VT)
Organista: Ferdinando Bastianini
Direttore: Loredana Serafini

****

SABATO 13 APRILE ore 19.30 - Chiesa di S. Maria del Carmine e di S. Giuseppe al Casaletto

Johann Kaspar Kerll (1627 – 1693) – Passacaglia
Johann Gottfried Walther (1684 – 1748) – Meinen Jesum lass ich nicht LV 1 (1713) (vers 1, 2, 3, 4, 5, 6)
Domenico Scarlatti (1685 – 1757)
- Sonata in re maggiore K 287
- Sonata in re maggiore K 288
Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)
- Erstanden ist der heil’ge Christ
- Praeludium und Fuga C dur BWV 545
Padre Davide da Bergamo (1791 – 1863) – Elevazione in re minore
Jacques-Nicolas Lemmens (1823 – 1881) – Fanfare
Alexander Guilmant (1837 – 1911) – Prière Op. 16 n. 2
Marco Enrico Bossi (1861 -1925) – Pièce héroïque, Op. 128
Joseph Gabriel Rheinberger (1839 -1901) – Cantilene – (da “Sonata op. 148 n. 11”)
Théodore Dubois (1837 – 1924) – Toccata

Organista: Gianluca Libertucci

****

SABATO 20 APRILE ore 19.30 - Basilica di S. Giovanni Bosco

Programma improvvisato

Corale “Villa Sora”
Organista: Luigi Antonelli
Direttore: Don Luigi Ullucci

***

SABATO 27 APRILE ore 19.30 - Basilica di S. Giovanni Bosco

J.S. Bach (1685 – 1750) – Preludio e fuga in Mi bem. magg. BWV 552
A. Guilmant(1837 – 1911)
- Melodia in sol magg. op. 47 n.4
- Elevation in la bem. op. 25
-Adagio dalla III Sonata op. 56
L.J. Lefebure-Wely (1817 – 1869) – Sortie in Mi bem magg.
N. Lemmens (1823 – 1881) – Prière
F. Liszt(1823 – 1881) – Adagio trascr. dalla Consolation n.4
R. Schumann (1810 – 1856) – dalle “Sei fughe sul nome B.A.C.H.”op.60 I – Langsam

Organista: Roberto Canali

***

SABATO 27 APRILE ore 20.30 - Chiesa di S. Maria del Carmine e di S. Giuseppe al Casaletto

W. A. Mozart (1756-1791) – Sonate da chiesa in re magg. K144
A. Vivaldi (1678-1741) – Concerto in re min.
J. M. Leclair (1697-1764) – Sonata nr. 5 in mi min. (Allegro ma poco – Gavotta – Presto) (per violini soli)
J. S. Bach (1685-1750) – Largo in re min.
P. D. da Bergamo – Sinfonia in Re magg. (per organo solo)
W. A. Mozart (1756-1791) – Sonata da chiesa in fa magg. K224

Organo: Alessandro Capitani
Violini: Marco Fiorini, Biancamaria Rapaccini

***

SABATO 4 MAGGIO ore 19.30 - Basilica di S. Giovanni Bosco

Franz Joseph HAYDN (1732 – 1809) – Sonata in Re Magg. Hob XVI n. 37
Allegro – Largo – Presto non troppo
Domenico CIMAROSA (1749 – 1801) – Ouverture “Il borgo di Gaeta” dall’opera “Giannina e Bernardone” (Trascr. di Francesco Flores d’Arcais)
Federico Maria SARDELLI (viv.) – Chaconne en Rondeau in Re minore
Domenico BELLANDO (1868 – 1922) – Marche Pontificale

Organista: Graziano Fronzuto

***

Ingresso libero – AVVISO SACRO

 

I concertisti

Alessandro Capitani, ingegnere, da sempre appassionato di Organo, ha prima approfondito gli studi di Pianoforte presso il Conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone, poi ha proseguito con gli studi di Organo, interessandosi anche all’arte organaria.
Organista liturgico e concertistista, ha tenuto concerti di pianoforte classico e lirico, concerti d’organo solista e in varie formazioni. Ha suonato innumerevoli organi nel territorio nazionale e all’estero, in concerti, celebrazioni, alla presenza delle massime autorità civili e religiose, come le cerimonie ufficiali nelle basiliche patriarcali di Roma (S. Pietro e S. Giovanni in particolare), con i Pontefici Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e i loro Vicari. E’ stato organista di svariate formazioni corali, di Roma e non. È stato organista in varie cerimonie a Roma in occasione della “XV Giornata Mondiale della Gioventù 2000″, presieduta da S.S. Giovanni Paolo II (Roma 2000), e della rappresentanza italiana a Bonn nella “XX Giornata Mondiale della Gioventù 2005”. E’ uno degli organisti del Coro della Diocesi di Roma, diretto da Mons. Marco Frisina. Tra i momenti più rappresentativi si ricordano, oltre quelli già citati, i Funerali di Stato dei Caduti di Nassirya, le veglie durante la malattia di S.S. Giovanni Paolo II, la partecipazione all’evento “La Bibbia giorno e notte”, i concerti nella cattedrale di NewYork, di Newark e a Brooklyn.
E’ impegnato in svariate iniziate per diffondere la conoscenza, l’importanza e la centralità dell’organo nella Liturgia. Tiene i corsi di Organo Liturgico del Vicariato di Roma.
È organista nella basilica di S. Giovanni Bosco in Roma, dove è anche direttore del Coro degli Universitari, e nella chiesa di S. Bernardo da Chiaravalle. Si occupa anche di una parte della manutenzione degli strumenti.

Corale Polifonica “S. GIOVANNI”  - Costituita nel 1988 dal Direttore M° M. Loredana Serafini, è composta da circa 35 elementi. Il suo repertorio presenta composizioni tratte dalla polifonia sacra e profana del periodo rinascimentale, barocco, romantico e contemporaneo. Si è esibita in molte manifestazioni artistiche sul territorio nazionale  e non, compiendo, negli ultimi anni, tournée in Ungheria, Svizzera, Repubblica Ceca, Vienna, Salisburgo, Monaco di Baviera. Organizza dal 1990 la Rassegna Corale a carattere nazionale “Castrum Balneariae” giunta quest’anno alla XVIII^ edizione, che si svolge nella splendida cornice di Villa Lante di Bagnaia la terza settimana di giugno, e  la Rassegna ” Aspettando Natale” incentrata sui vari repertori natalizi. Promuove lezioni-concerto nelle Scuole per sensibilizzare i giovani alla ” musica colta” e per divulgare il repertorio corale. Ha preso parte alla Rassegna delle Corali Romane nella Basilica di Cristo Re,  alla stagione culturale di S.Gimignano (SI) ed a Roma, al concerto conclusivo del Sinodo dei Vescovi in San Pietro. Si è esibita a Nardò (LE) ed a Loreto (AN), Cappella Palatina della Reggia di Caserta, presso la Cattedrale di Vetralla (VT), Nepi(VT). Nel settembre ’93 ha accolto con un concerto, nella Chiesa di S.Maria del Popolo, l’arrivo a Roma di 55 giovani tedeschi che, partiti da Wittemberg e ripercorrendo l’itinerario seguito da Martin Lutero nel 1510 nel suo viaggio in Italia, hanno voluto confermare la fratellanza tra cattolici e luterani. Ha preso parte a numerose rassegne musicali in tutto il territorio nazionale. A settembre del ’95, a Vasto (CH), si è qualificata nella finale del II^ Concorso Nazionale Cori Polifonici – Premio “P. Settimio Zimarino”. Sempre sensibile ai temi della solidarietà, si è esibita per la Croce Rossa Italiana, per TELETHON, in diretta RAI a reti unificate, l’Associazione persone Down, Pro-Kosovo, Bambini cardiopatici, Associazione A.PRO.T.I.ON (ricerca per la leucemia).Ha anche collaborato alla realizzazione del 1° e 3° “Corso Internazionale di Avviamento alla lirica”. In occasione del 75 anniversario della Provincia di Viterbo ha eseguito l’opera di Orff al teatro Unione di Viterbo. Altri concerti li ha sostenuti nella Basilica di S. Domenico Maggiore a Napoli, inoltre ha eseguito la “Passione secondo Matteo” di J.S. Bach presso la Cattedrale di Viterbo,  insieme all’Ensamble  vocale“Il contrappunto”, il gruppo vocale “Ars Nova”e il Coro “Mons. Giuseppe Bellamaria”, ha partecipato all’evento “ Donna: arte…musica…poesia…” organizzato dall’assessorato Pari opportunità e assessorato Cultura e Spettacolo del Comune di Viterbo, ha preso parte alla rassegna corali presso  S. Benedetto del Tronto, e alla stagione culturale “Incontri Gentili”, organizzata dalla Provincia di Viterbo, presso il Cortile di Palazzo Gentili. Presidente il sig.Piero Baccelloni, direttore e fondatore il M° Maria Loredana Serafini .

Maria Loredana Serafini - Ha studiato Pianoforte sotto la guida del M° Telli, e parallelamente agli studi Magistrali si è interessata alla Coralità ed alla Didattica Musicale conseguendo il Diploma di Didattica della Musica. Ha conseguito l’idoneità al concorso nazionale pubblico per la scuola musicale di Viterbo. Ha fondato nell’88 la “Corale Polifonica S.Giovanni” di Bagnaia (VT) di cui è il Direttore. E’ ideatore e direttore artistico della Rassegna Nazionale “Castrum Balbeariae”, giunta alla XVII^ edizione che vede annualmente esibirsi musicisti di chiara fama. Degna di nota l’esecuzione integrale dei “Carmina Burana” di Carf Orff eseguiti con un organico completo di pianoforte, percussioni e ottoni e in occasione del 75° anniversario della Provincia di Viterbo.  Ha frequentato vari corsi di aggiornamento e di specializzazione fra cui “Ritmica ed Improvvisazione secondo il metodo J.Dalcroze” (dalla Prof.ssa Di Segni), “Corso sul canto Gregoriano” (M° Baroffio), Corso di “Vocalità” (M° Leone), “I° Corso Internazionale di avviamento lirico” (M° Tucci, Young-Mi Kim, Lorraine Nawa Jones, Oliva). Ha la cattedra di  Ed.Musicale nella Scuola secondaria primaria, e in quest’ambito lavora come ideatrice e coordinatrice di incontri mirati alla divulgazione della Storia dell’arte e della musica presso gli allievi delle scuole secondarie. E’ stato membro del consiglio direttivo dell’Associazione Regionali Cori del Lazio dal 1994 al 2004. Ha studiato Canto Lirico sotto la guida del M° Enzo Di Matteo. Allieva effettiva nel Corso di Organo e Improvvisazione organistica tenuto dal M° Bastianini  presso la Diocesi di Viterbo, ha partecipato ad un recente servizio di RAI 3 sulla diffusione della musica sacra. Ha collaborato alla esecuzione, presso la Cattedrale di Viterbo, della Passione secondo S. Matteo di J.S. Bach unitamente all’ orchestra della Scuola Musicale del Comune di Viterbo, alla Corale Polifonica S. Giovanni, all’ Ensemble “Il Contrappunto”, ed altre formazioni corali. Nel 2012 ha ideato e curato il progetto inerente alla figura del celebre compositore Cesare Dobici. Dirige il coro integrato “Schola in….cantorum” col quale intraprende un’attività didattico-formativa finalizzata alla realizzazione di incontri-concerto.

Ferdinando Bastianini – Si è diplomato con il massimo dei voti, in organo e composizione organistica, pianoforte, musica corale e direzione di coro. Ha conseguito sei idoneità in concorsi musicali pubblici, è risultato vincitore del primo premio al Concorso internazionale “Roma 1989″, terzo premio al Concorso “Città di VelletriE, “Gabicce Mare” (PS), “Mascia Masin” Sangemini(TR)  e si è affermato nei primi posti in molti altri concorsi internazionali. Si è perfezionato con organisti e pianisti di chiara fama internazionale quali: Hector Pell e Maria Mosca per il pianoforte, Concezio Panone, Maurice Clerc e Guy Bovet per l’organo, Teresa Procaccini per la composizione, Herve Niquet di Les Arts Florissants per la musica barocca e Maurice Clerc e Guy Bovet per l’improvvisazione. Ha suonato al festival barocco di Viterbo, e collabora con l’Orchestra Internazionale d’Italia e con l’orchestra XXI secolo. Effettua attività concertistica sia in Italia che all’estero (Bonn, Basilea, Berna, Stoccolma, Vienna) come solista e come accompagnatore di svariate formazioni orchestrali. Ha tenuto corsi di perfezionamento in organo, liturgia e Canto Gregoriano. E’ titolare della cattedra di Lettura della partitura e improvvisazione presso il Conservatorio G.B.Pergolesi di Fermo, nonché di pianoforte principale presso la scuola musicale comunale di Viterbo. È organista titolare della Basilica Cattedrale di Viterbo e della chiesa di Santa Maria della Verità sempre a Viterbo. Collabora in attività giornalistica con vari periodici. Docente di Improvvisazione presso i Corsi di perfezionamento Musicale di Eboli (SA) e Docente di Organo Liturgico e improvvisazione ai corsi tenuti annualmente dalla Diocesi di Viterbo. Ha inciso i CD “l’Organo a Viterbo”,  “Soli Deo gloria”, e un disco sulla liederistica del tardo Ottocento francese, registrato presso il teatro”Marchetti” di Camerino. Recenti le sue tournées in Polonia e U.S.A. Ha eseguito in prima mondiale musiche inedite del maestro Fernando Germani, tra cui le “Variazioni per organo ed orchestra”. Degne di nota le sue esibizioni alla presenza del Santo Padre: nel 1987 alla Sala Nervi (Pont. Giovanni Paolo II), e nel 2009 durante la celebrazione liturgica svoltasi in Viterbo (Pont. Benedetto XVI).  Ha eseguito i concerti di Haendel per organo e orchestra con l’orchestra “Monteverdi” in occasione del Festival Barocco di Viterbo.  Nel 2012 ha ideato e curato il progetto inerente alla figura del celebre compositore Cesare Dobici, svoltosi in quattro appuntamenti, collaborando alle esecuzioni ed ai Convegni.

Gianluca Libertucci – Organista del Vicariato per la Città del Vaticano nella Basilica di San Pietro; della Guardia Svizzera Pontificia; delle Udienze Generali del Santo Padre; della Chiesa di Santa Maria dell’Orto in Trastevere. Ha conseguito il diploma di Organo e Composizione organistica presso il Conservatorio statale di musica “Santa Cecilia” di Roma sotto la guida di Luigi Celeghin. Ha seguito i corsi di perfezionamento in organo tenuti
da Michael Radulescu, Christopher Stembridge (presso l’Accademia musicale chigiana di Siena) e Ludger Lohmann. E’ titolare della cattedra di “Organo e composizione organistica” presso il Conservatorio statale di Musica “Benedetto Marcello” di Venezia. Svolge un’intensa attività concertistica solistica nell’ambito dei maggiori festivals organistici nazionali ed internazionali: Albania, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Federazione Russa, Finlandia, Francia, Islanda, Germania, Inghilterra (Gibilterra), Italia, Lettonia,
Lussemburgo, Malta, Montenegro, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria, Città del Vaticano, Giappone, Stati Uniti d’America. Nel 2007 e nel 2013 ha eseguito rispettivamente con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e con l’orchestra del Teatro dell’Opera di Roma il “Concerto in sol minore” per organo, orchestra d’archi e timpani di Francis Poulenc. Ha progettato il nuovo grande organo per l’auditorium dell’Istituto Musicale “Vincenzo Bellini” di Catania e i due nuovi grandi organi per l’Università Cattolica di Macao (Repubblica Popolare Cinese). E’ stato componente e coordinatore della commissione tecnico-artistica per il restauro del prestigioso organo a cinque tastiere e tre consolles costruito nel XVIII secolo da Donato Del Piano per l’Abbazia Benedettina di San Nicolò l’Arena in Catania. Ha diretto i lavori di restauro di tutti gli organi della Basilica di San Pietro. Nel dicembre 2002 ha partecipato al concerto inaugurale del nuovo organo della Cappella Sistina e nel maggio 2007 ha tenuto il concerto inaugurale del nuovo organo della Cappella del Governatorato della Città del Vaticano alla presenza di S.S. Benedetto XVI. Nel 2008 è stato presidente della commissione per il Concorso internazionale di organo “Soli Deo Gloria” svoltosi presso la Cattedrale Cattolica di Mosca. Ha registrato i CD “Coronas annum benignitate” (Edizioni Libreria Vaticana) e “Deus caritas est” (Multimedia San Paolo) contenenti tutte le composizioni per organo di Mons. Giuseppe Liberto, direttore emerito del Coro della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”. Collabora come organista con il Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania, con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e con il Teatro dell’Opera di Roma.

Roberto Canali - dopo essersi diplomato con il massimo dei voti in Organo e Composizione organistica, presso il Conservatorio di Musica “A. Boito” di Parma con C. Termini, ha partecipato a vari corsi di perfezionamento tenuti da importanti docenti (L.F. Tagliavini, M. Radulescu, M.C. Alain, H. Vogel e A. Isoir).
Nel 1989 ha vinto una borsa di studio (fra le due assegnate) al III Corso Internazionale di Interpretazione e Improvvisazione Organistica tenuto a Verona da G. Litaize, sotto la cui guida in seguito si perfeziona.
Nel 1994 ha vinto il Concorso Nazionale per l’assegnazione delle cattedre nei Conservatori di Musica.
Sempre nel 1994 ha vinto il 2° premio assoluto alla III edizione del Torneo Internazionale di Musica (TIM) dell’A.GI.MUS. Nello stesso anno collabora come organista con l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna (OSER).
Nel 1997, dopo aver conseguito il diploma di Clavicembalo, ha vinto il 2° premio alla I edizione del Concorso nazionale di Clavicembalo “G.Gambi”.
Ha collaborato, come docente, con la Sovrintendenza ai Beni Culturali della città di Cosenza. Nel 2010 ha fatto parte della commissione per il restauro dell’organo J.C. Wörle della Chiesa dei Frisoni a Roma.
Attualmente è titolare della cattedra di Organo e Composizione organistica presso il Conservatorio di Musica “S. Pietro a Majella” di Napoli.
Quest’anno e’ stato invitato dalla “Fondazione Marrone” di Rieti, con il patrocinio della CEI, a tenere un corso annuale di organo sul nuovo organo Pinchi in stile barocco della Germania del Nord (www.fondazionevarrone.it)
E’ stato socio fondatore nonché Direttore Artistico dell’ “Accademia Organistica Romana”, è ora Direttore Artistico della stagione “I concerti in Basilica” presso la Basilica di S. Prassede a Roma. Ha inciso per la SMC Records e per la RAI.
Collabora con gruppi da camera e cori quali l’Orchestra Barocca Italiana e il Coro Internazionale di Roma “Novum Convivium Musicum” e in duo organo e tromba con Nello Salza (www.nellosalza.it).
Come solista è regolarmente invitato a tenere concerti in tutta Italia e all’estero (Francia, Svizzera, Danimarca, Germania, Olanda e Medio Oriente) in sedi importanti quali: Città del Vaticano, Cattedrale di Lione, Odense Domkirke, Sønderborg Slotkirke, Aalborg Domkirke, Zutphen, Frederiksborg Slotkirke, Michaeliskirche-Hamburg, Laurentiuskerk- Alkmaar

Graziano Fronzuto – Nato a Gaeta, ha iniziato lo studio del pianoforte con la Professoressa Tina Guglietta -allieva di Vincenzo Vitale e Albert Schweitzer- interessandosi, su suo consiglio e incoraggiamento, subito all’Organo e alla Musica Sacra e proseguendo con numerosi Maestri, fra cui Mauro Bassi che è stato il più influente sulle sue vedute artistiche. Ha suonato oltre 560 Organi fra i migliori del territorio nazionale ed è stato Organista in alcune importanti basiliche, partecipando ad importanti manifestazioni concertistiche ed a solennità liturgiche, anche in S. Pietro in Vaticano alla presenza del Sommo Pontefice e dell’Arcivescovo Ordinario Militare. Laureato presso l’università “La Sapienza” in Ingegneria Edile col massimo dei voti e Lode, esercita la professione presso un’importante Azienda, ma non ha mai perso di vista lo studio dell’Arte Organistica ed Organaria, esibendosi spesso in Concerti come solista ma anche con noti Artisti e prestigiose Formazioni Corali, ottenendo lusinghieri consensi di critica e di pubblico e l’interesse della stampa. Ha collaborato con illustri studiosi ed ha pubblicato articoli e libri di storia dell’architettura e di arte organaria. Si è prodigato per la salvaguardia del patrimonio Organario avendo come mentore il prof. don Stefano Romano, insigne organista e studioso dell’Arte Organaria, e propugnando e seguendo di persona restauri di organi antichi ed il progetto fonico ed estetico di nuovi.
Ha avuto il permesso speciale di suonare in visita privata gli organi monumentali delle cattedrali di Salisbury, Carlisle, dell’Abbazia di Westminster, della Basilica di SS. Ulrico e Afra ad Augsburg, della cattedrale di San Graziano a Tours e in numerosi altre importanti chiese. Ha avuto numerosi riconoscimenti per la sua attività, attestati di stima da parte di Autorità e di studiosi e l’ammissione come “Member” nelle prestigiose Associazioni Musicali Internazionali “THE ORGAN CLUB” e “THE ROYAL COLLEGE OF ORGANISTS” di Londra.
Di recente ha fatto parte degli organisti della Basilica Pontificia di San Paolo Fuori le Mura, dove ha eseguito vari concerti come solista e anche con alcuni noti artisti; ha inciso – con permessi mai concessi prima – un CD di rarità musicali nella medesima Basilica ed un altro, con brani non meno rari, in Sant’Agostino in Campo Marzio. Nel giugno 2008 è stato pubblicato dalle Ed. Olschki di Firenze il suo trattato “Organi di Roma”, contenente la storia e la descrizione completa di oltre 200 organi delle chiese dell’Urbe frutto di oltre 25 anni di studi, ricerche, e attività organistica.

Marco Fiorini – Ha studiato con la madre Montserrat Cervera e poi con Mila Costisella, diplomandosi presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma con il massimo dei voti e la lode. Si è successivamente perfezionato con Pavel Vernikov e Zinaida Gilels a Portogruaro e con Eugenia Chugajeva a Vienna.
Dal 1996 al 2006 è stato primo violino solista dell’orchestra dell’Accademia di S. Cecilia di Roma. In tale veste ha effettuato numerose tournèes in Europa ed Estremo Oriente, registrazioni discografiche e lavorato al fianco dei più illustri direttori. Ha inoltre collaborato come spalla anche con le orchestre del Teatro alla Scala di Milano, l’Orchestre de Chambre de Lausanne
e la Symphonica Toscanini. Da anni svolge un’intensa attività cameristica che lo ha portato a suonare per importanti Istituzioni
quali l’Accademia di S. Cecilia di Roma, la Filarmonica di Berlino,La Filarmonica di S. Pietroburgo, il Festival Grec di Barcellona e il Teatro S. Carlo di Napoli. Nel 1995 ha fondato il Quartetto di Roma, molto apprezzato, oltre che in Italia, in Spagna, Olanda, Norvegia, Singapore,Egitto, Turchia e soprattutto in Germania. E’ inoltre stato ospite dei Festivals di Spoleto, Neuschwanstein (Germania), Orlando (Olanda), Ravenna, Ravello e, come solista, del Festival Casals (Spagna). All’attività concertistica affianca quella didattica, insegnando presso i Conservatori di Stato e tenendo master-classes in Italia e all’estero.

Biancamaria Rapaccini – Si è diplomata in violino con il massimo dei voti presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma sotto la guida di Umberto Spiga, vincendo il premio “Marchi” destinato al migliore diplomato del 1989. Perfezionatasi con Pavel Vernikov a Portogruaro e Eugenia Chugajeva a Vienna ha inoltre frequentato i corsi di quartetto di Piero Farulli (Quartetto Italiano), Raphael Hillyer (Julliard Quartet) e Sadao Harada (Tokyo Quartet). Fondatrice del Quartetto di Roma, premiato al Concorso Internazionale di Trapani, svolge un’intensa attività concertistica in Italia, Spagna, Olanda, Austria, Turchia, Egitto e soprattutto in Germania. Ha suonato per importanti manifestazioni quali il Festival dei Due Mondi di Spoleto, l’Orlando Festival (Olanda) ed il Festival di Neuschwanstein (Germania) ed ha effettuato registrazioni per la RAI e la Radio Nazionale Spagnola. Nel 1997 ha vinto il concorso per violino di fila indetto dall’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia di Roma, ruolo che successivamente ha abbandonato per seguire l’attività cameristica. Ha collaborato, tra le altre, con l’Orchestra de I Pomeriggi Musicali di Milano e l’Orchestra da Camera di Mantova.

LocandinaOrgano:Layout 1

Posted in I concerti | Commenti disabilitati